Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Commercio e arte. Nuovi studi su Enrico Mylius

ECONOMIA, POLITICA, CULTURA TRA LA LOMBARDIA E IL TERRITORIO COMPRESO TRA RENO E MENO: UNA STORIA DI SUCCESSO

È da poco uscito l’ottavo volume della collana Aurora di Villa Vigoni (edito da Franz Steiner Verlag). La presente miscellanea italo-tedesca Heinrich Mylius (1769–1854) und die deutsch-italienischen Verbindungen im Zeitalter der Revolution. Die Lombardei und das nordalpine Europa im frühen 19. Jahrhundert risale all’omonimo convegno promosso dalla DFG tenutosi a Villa Vigoni nel 2017 e che è stato in seguito approfondito nel ciclo di conferenze Vorreiter Europas? Deutsch-italienische Wirtschaftsbeziehungen in Neuzeit und Moderne, organizzato dal Forschungskolleg Humanwissenschaften della Goethe-Universität di Francoforte. Il volume è nato nel 2019 nell’ambito delle celebrazioni per il 250esimo anniversario dalla nascita di Enrico Mylius, di cui la mostra Enrico Mylius (1769-1854): un cittadino europeo tra Francoforte sul Meno e Milano, allestita al museo Giersch della Goethe-Universität di Francoforte, è stata il punto culminante: la mostra è stata inserita dall’AIPH nella lista dei “Migliori progetti di Public History 2019-20”. La miscellanea è altresì strettamente legata al volume sulla biografia di Enrico Mylius, pubblicato da Villa Vigoni Editore|Verlag nel 2019.

Gli atti della conferenza trattano problematiche paradigmatiche in merito alle relazioni italo-tedesche agli inizi del XIX secolo: Quale risonanza ebbero le aspirazioni politiche a nord delle Alpi e viceversa? Come si configurava lo scambio artistico tra Italia e Germania? Il successo degli odierni centri economici e aree di crescita europei si fonda su strutture costruite allora? E non da ultimo: le identità e le relazioni europee transnazionali, in un’epoca che viene spesso intesa esclusivamente nel segno della costruzione degli Stati nazionali, non giocarono un ruolo altrettanto decisivo sul piano politico ed economico? Enrico Mylius fu, ad ogni modo, un siffatto cittadino europeo.

M. Ressel / E. Schweighöfer (a cura di): Heinrich Mylius (1769–1854) und die deutsch-italienischen Verbindungen im Zeitalter der Revolution. Die Lombardei und das nordalpine Europa im frühen 19. Jahrhundert (Aurora - Schriften der Villa Vigoni, Volume 8), Stuttgart: Franz Steiner 2021.

Il volume è acquistabile in formato cartaceo e digitale.

Download

Comunicato stampa
Scheda libro